APC - Articoli per calzature

La storia 

Fra le centinaia di piccole aziende calzaturiere di Vigevano, negli anni ’60 operavano anche i F.lli Sala che gestivano una piccola realtà che fabbricava scarpe da donna.

Uno dei due fratelli muore in seguito ad intossicazione da benzolo (le famose morti bianche di quel periodo). Lo scrittore Lucio Mastronardi, suo amico, ne scrive un toccante elogio su un quotidiano locale (si dice perfino che alcuni personaggi del suo famoso romanzo “IL calzolaio di Vigevano” siano ispirati all’amico prematuramente scomparso). Il figlio Francesco  (v. foto) dà quindi inizio ad un’attività diversa nel settore degli articoli per calzature prendendo l’avvio in una struttura a carattere puramente famigliare dove è particolarmente attiva la madre stessa e dove Francesco si occupa principalmente di vendere i propri prodotti.

Nasce la APC di Francesco Sala (v. foto) poi trasformata nella cooperativa IADA nella quale operano 8 soci. Fra i soci non c’è accordo e la cooperativa si scioglie.

La fondazione e i primi passi

APC (Articoli per Calzature) nella sua denominazione attuale nasce ufficialmente nel 1973 (diventerà solo nel ’90 APC srl). Si inizia con una sola macchina ed un solo dipendente. L’azienda è monoprodotto (si producono esclusivamente i coprichiodi che servono all’interno della scarpa), Il prodotto è a basso valore ma permette una produzione molto elevata. Il primo insediamento è a Vigevano in via delle Sacramentine, quello successivo sarà, sempre a Vigevano, in via Aguzzafame

L’azienda negli anni ’90 trova il suo momento di espansione (aumento del catalogo prodotti, nuove assunzioni, entrata in azienda del figlio di Francesco, Paolo che segue soprattutto lo sviluppo di nuovi prodotti con indirizzo verso manufatti di maggior valore aggiunto e non legati alla sola moda).

L’azienda si trasferisce nel nuovo PIP vigevanese (in via Galli 19/a) dove, unitamente a 3 capannoni, copre una superficie di 4.500 m2. (v.foto) 

L’azienda ha inoltre depositi di prodotti sia in Italia che all’estero ed opera sui mercati nazionali ed internazionali attraverso una rete di agenti e distributori (principalmente grossisti di articoli per calzature).

Conta 23 dipendenti oltre ai famigliari coinvolti nelle diverse attività.


Comments