I.T.C. LUIGI CASALE








Fondazione:

L’attività iniziale risale al 1914-15 quando l’Istituto funziona come iniziativa privata.

E’ solo nel 1921 che l’Istituto inizia i propri corsi nella sua sede storica di via Peircandido Decembrio.

In una delibera della Giunta Municipale per l’apertura dell’anno scolastico 1926-27 appare per la prima volta la pianta organica del personale direttivo con a capo il prof. Giovanni Gerosa, al contempo anche docente di tecnica commerciale e ragioneria. L’organico è completato da insegnanti di scienze e merceologia (prof. Maria Banfi), di lettere italiane (prof- Luigi Francia), di diritto e economia (prof. Guido Mussini), di matematica (prof. Margherita Inglese), di lingua francese e inglese (prof. Alessandra Dupin), di calligrafia e steno-dattilografia (prof. Piera Gusberti), di storia economica e geografia (prof. Olga Maschio).La scuola con sede in via Pier Candido Decembrio resterà fino al trasferimento in anni recenti (1967) nella nuove sede di via Ludovico il Moro.

E’ solo nel 1929 che l’Istituto assume la sua definitiva titolazione (seduta comunale del 14 febbraio 1929 con podestà Geppe Scotti) e il pareggiamento con R.D. dell’8 luglio dello stesso anno. La presidenza è del prof. Guido Ambrosiani dovente di materie giuridiche ed economiche. Dallo stesso periodo l’Istituto diventa sede di esami (esclusi quelli di diploma) sotto la vigilanza di Regi Commissari.

Già dai primi anni l’Istituto si avvale di numerose macchine da scrivere e di attrezzature di laboratorio.

 

I primi anni:

Nel 1930 la vedova Casale (sig.ra Maria Sacchi) elargisce la somma di L. 10.000. La somma sarà annualmente rinnovata fino alla sua morte e permetterà all’Istituto di finanziare diverse proprie iniziative.

Con l’anno 1931-32 si inaugura il corso dell’Istituto Tecnico Inferiore, articolato in 4 anni ad ordinamento privato in sostituzione dell’orami desueto Corso Preparatorio comunale.

Con la seduta comunale del 10 ottobre 1933 si decide di trasformare l’Istituto in “Istituto Tecnico Commerciale ad Indirizzo Mercantile” in base alla legge 15.6.1931n.889.

Il 14 luglio 1937 il Ministero dell’Educazione estende il pareggiamento anche ai corsi inferiori.

Nel frattempo il preside prof. Ambrosini era deceduto (1934) ed era stato sostituito dall’ing. Emilio Basletta, con la carica di vice preside assegnata al prof. Bernardo Ottone.

Il prof. Ottone diventerà preside nel 1939 restando nella carica fino al 1973.

Nel 1940 il corso inferiore è trasformato in Scuola Media Unica. Si susseguono gli anni difficili della guerra con la chiamata alle armi di diverso personale dell’Istituto.

Dal 1.ottiobre 1946 l’Istituto è statalizzato (la disposizione di legge seguirà con il DPR 6 novembre 1948), la Scuola Media lo sarà dal 1 ottobre 1947 con ratifica DPR 29 giungo 1951.  Ciò cererà il distacco delle due strutture e l’intitolazione diversa della Scuola Media.

 

L’evoluzione:

Con DPR 30.9.1953 l’Istituto affianca al corso tradizionale per ragionieri, un corso per geometri (che parte immediatamente il giorno successivo).

Nella seduta del 13 novembre 1957 il Comune stanzia nuovi fondi destinati all’acquisto di tavoli da disegno automatici per l’insegnamento della topografia e macchine calcolatrici elettriche per l’insegnamento del calcolo meccanico.

Nel 1961-62 le due discipline indicate avranno loro aule dedicate.

All’epoca (1963-64) gli alunni sono 400 ed è necessario creare una sezione distaccata per il corso geometri in via Bramante con evidenti disagi per alunni e docenti.

Si avvia lo studio per realizzare una nuova sede. L’edificio entrerà in funzione 3 anni più tardi e sarà dotato di biblioteca, ambulatorio medico, sala proiezioni, aule per la contabilità meccanizzata, laboratorio chimico-merceologico, aula per il disegno topografico, aula per la dattilografia, laboratorio linguistico ed altre attrezzature particolarmente avanzate in considerazione del periodo storico.

Nell’anno 1969-70 sono istituiti corsi serali per ragionieri e geometri (il primo anno conta 33 iscritti in totale).

Nel frattempo l’Istituto ha raddoppiato gli iscritti passati attorno alle 800 unità.

Il prof. Ottone lascia nel 1973 l’Istituto per raggiunti limiti di età (è stato preside per ben 34 anni e ne vanta 43 di insegnamento).

Gli succede il prof. Cerniglia che, già dopo un anno lascia le redini al prof. Carlo Ferraris.

Nel 1974-75 si insedia, a seguito del DPR 31.5.74 n.416, il Consiglio di Istituto a seguito di elezioni interne.

Il Consiglio già nella riunione del 1 ottobre 1975 delibera rimborsi a favore degli studenti pendolari e buoni libro per i meno abbienti.

Per l’anno 1975-76 gli iscritti toccano la cifra di 1.100.

Preside è ora il prof. Mario Rivabella che ottiene la ridistribuzione delle borse di studio. Si pone un problema di sovraffollamento delle prime classi non risolto anche da doppi turni e da trasferimento delle lezioni in aule del Seminario diocesano. Pur con limitazione alle iscrizioni future, si è costretti a dirottare sulle aule del Seminario anche corsi per geometri.

Nell’anno 1976-77 subentra alla presidenza il prof. Vincenzo D’Angelo che, per primo, attiverà importanti iniziative di avvicinamento al mondo del lavoro in collaborazione con la locale Associazione Industriali.

Nel frattempo (1978-79) sono chiusi i corsi serali a causa del numero troppo esiguo di iscrizioni.

Si è intanto insediata alla presidenza la prof.ssa Vilda Bollini Grassi che è costretta, a causa del numero sempre crescente di iscrizioni ai corsi diurni, di attivare altre classi presso il Liceo Cairoli.

Dal 1979 è preside il prof. Ernesto Olgiati che crea una sezione distaccata per ragionieri a Mortara. La sezione entrerà in funzione con l’anno 1981-82 con i primi 46 alunni.

La realtà del momento vede 1.200 alunni Il massimo è stato toccato nell’anno 1980-81 con ben 1276 iscritti), un centinaio di docenti, quattro sedi,  due indirizzi professionali.

Cade intanto il centenario della nascita di Luigi Casale, lo scienziato di Vigevano, al quale l’Istituto è intitolato: per l’occasione l’Istituto lo ricorda pubblicando un volumetto a memoria.

 

Gli anni recenti:

1983-84 preside prof. Claudio Tanzi

1984-85 preside prof. Damiano Nigro

1985-87 preside prof. Angelo Secchi : durante la sua presidenza si avvia il corso per programmatori e si inserisce il corso di informatica nelle classi dei bienni (oggi l’Istituto possiede 4 laboratori di informatica, un’aula multimediale ed è sede di corsdi ed esami per il conseguimento della Patente Europea del Computer)

1987-88 preside prof. Di Vittorio

1989-90 preside prof. Carmosino

1990-91 preside prof. Vignetta

Dall’ottobre 1994 preside prof.ssa maria Grazie Dallera: dal 1994 introduzione del corso per geometri di specializzazione ad ambientale. Nel 1997 il corso per programmatori si trasforma, secondo le direttive ministeriali, in Progetto Mercurio.

Più tardi si riaprono i corsi serali per ragionieri e geometri ed un corso per ragionieri presso la casa circondariale dei Piccolini.

Nel 2002-3 si avvia il progetto ITER un nuovo corso ad indirizzo linguistico e turistico.

L’Istituto compie i suoi primi 80 anni di vita.



Consulta il sito dell'Istituto:



Comments