ROTARY VIGEVANO MORTARA

ROTARY CLUB VIGEVANO - MORTARA

https://sites.google.com/a/rcvigevanomortara.info/rotary-vigevano-mortara/

 La nascita del club

 

I primi documenti risalgono alla primavera  ’54.

In assoluto il primo scritto (rigorosamente a macchina da scrivere e datato (1/4/1954) è un promemoria sul Rotary che ricorda la sua composizione al momento, i suoi scopi le sue riunioni, i contributi (si pagano 12.000 lire ogni 3 mesi di cui 1.500 per il Distretto e 700 per Zurigo, per i meno abbienti si richiedono solo 4.000 lire fisse e 1.000 lire per presenza/pasto), e altro ancora (ci sono già 8.019 club nel mondo con un totale di 400.000 soci, 84 club in Italia).

Una lettera del 10 maggio al segretario distrettuale parla di avvenuti colloqui il giorno precedente a Salsomaggiore per la costituzione del club e delinea, a grandi tratti, l’area  di influenza del nuovo club: 40 Km circa da Milano, da Pavia e da Novara (anche meno), 50mila abitanti in città e 60 mila nel Comune, altri 10-12 comuni aggregati per una popolazione totale di 120 mila abitanti di “eminentemente industriali”.

 Risposta positiva in data 21 maggio del segretario con il dettaglio della documentazione da predisporre.

 Successivamente, in data 13 giugno, si leggono, in una lettera di Achille Maderno al segretario generale del R.I. Dott. Giacomo Zanussi di Milano, i nominativi e relative qualifiche professionali del costituendo Comitato Promotore: si tratta dei 24 futuri soci che daranno vita al club qualche mese addietro.

 Già in luglio il segretario europeo invia la modulistica e le regole comportamentali del futuro segretario del club: di particolare interesse le “domande e risposte concernenti le classifiche dei soci” con la continua citazione del termine “uomo” (fortunatamente le femministe non l’hanno mai letto!) e lo “statuto del Rotary Club” (con altra citazione in chiaro, per non smentirsi, del termine “uomo”).

 A fine agosto (il 26 per la precisione) un’interessante risposta a Maderno da parte del presidente del club di Ferrara sui dettagli amministrativi messi in atto dal suo club per una “giusta ispirazione”: quote, numero conviviali, modalità di pagamento, numero di consiglieri, consigli pratici fondamentali per l’invito di senatori e deputati, e altre allegrezze del genere oltre alla chiusura “porgoti auguri e saluti”.

  E’ del 2 settembre dello stesso anno la risposta definitiva che dà il benestare del Governatore sia ai nominativi proposti che alla costituzione del club. Nella stessa lettera di risposta si conferma anche la partecipazione alla serata di costituzione fissata al 18 dello stesso mese (simpatica la dicitura: abito scuro, con la precisazione scritta a mano “o, meglio, non, da sera” ed il saluto in calce alla lettera stessa: “Mi creda molto cordialmente”). La firma è del segretario distrettuale e, con la lettera, si assicura la presenza sua e del Governatore.

 Arriva il 18 settembre. I 24 si riuniscono al Cannon d’Oro. Della serata sono ancora disponibili i nominativi dei novelli soci, il menù, particolare non trascurabile, con consommè celestine (rigorosamente alla francese), insalata russa, costolette di pollo dorate, stracchino gelato, cestelli di frutta e caffè, il tutto annegato in un attraente Freccia Rossa “La vigne blanche” (c’era già la tendenza a legami d’Oltralpe) e Freccia Rossa St. George (strano, questo è inglese, a meno che l’incauto albergatore non sappia che Giorgio in francese voglia una esse finale) e un tipico Spumante Cinzano secco. I presenti sono numerosi: anche se non c’è più il resoconto effettivo degli stessi ( lo si desume dalla rivista rotariana dell’epoca), stando agli inviti a rotariani della prima ora (i club di Milano, Alessandria, Novara e Pavia), alle autorità religiose e pubbliche (si sprecano vescovi, sindaci, prefetti, rettori di università e comandanti dell’arma), alle , già allora gentili, consorti ed altri ancora, ci si dovrebbe essere attestati su almeno una cinquantina di persone assiepate nelle anguste sale del ristorante.

In archivio anche qualche defezione (chi invitato si defila), ma il successo di pubblico resta alto.

 Parlano in tanti: il prefetto, il rettore, il governatore, il primo presidente, anche lui prof., Zorzoli. Ci si prefiggono incontri su incontri (tutti i martedì del mese, due con conviviale, due senza), si offre una descrizione (non durante la riunione, ma solo sulla rivista rotariana) delle due città che il club rappresenta, oltre, naturalmente, al suo territorio e si chiude.

 La vicenda si conclude con alcune lettere a seguire: i ringraziamenti per la serata inaugurale e la lettera di ufficializzazione dell’ammissione del club nell’empireo internazionale in data 23 ottobre 1954 (la lettera è di 2 giorni dopo, arriva da Zurigo, è in lingua francese ed è firmata dall’allora segretario europeo Walter Panzer. La notizia è stata telegrafata anche al Governatore Ranelletti. E’  acclusa documentazione ufficiale del Rotary (l’elenco è molto lungo) e la ricevuta per i diritti di iscrizione: per la cronaca sono 100 US $ che, al cambio, significano 62.100 lirette). Nella stessa data è stato inviato un messaggio da Evanston, sede internazionale del sodalizio, (è del segretario internazionale Gorge R. Means a nome del presidente internazionale Taylor) che acclude una “carta” (non è una traduzione in quanto il messaggio è in italiano) che certifica che il Rotary Club di Vigevano- Mortara è membro del Rotary International.

Le linee direttive

Il club opera secondo alcune direttive:

-         è gestito da alcune cariche così definite:

o       Presidente: è eletto e resta in carico per un anno (dal1 luglio al 30 giugno dell’anno successivo)

o       Consiglio direttivo: è formato in genere da 9 membri ed è rinnovato sempre annualmente

o       Segretario: è nominato dal Presidente e svolge tutte le funzioni di amministrazione del club

o       Tesoriere: ha il compito di gestite le finanze del club

o       Prefetto: ha il compito di gestire le manifestazioni e gli eventi organizzati dal club

o       Commissioni: si tratta di gruppi di soci che si occupano di specifiche problematiche definite dal Rotary International quali azione interna, azione internazionale, problemi del territorio, problemi dei giovani, e così via

 

Il club, inoltre, pianifica una serie di attività a copertura delle linee sopra indicate e che coprono in genere (in funzione della complessità e dell’impegno richiesto) uno o più anni.

 

Altra caratteristica del Rotary è la rappresentanza molto articolata di diverse categorie professionali fra i suoi soci : medici, ingegneri, avvocati, notai, industriali, dirigenti, impiegati, operatori scolastici, rappresentanti del mondo finanziario in genere, della, pubblica amministrazione, del culto, dell’arte, della cultura e tante altre ancora.

 

In aggiunta alle azioni proprie del singolo club ( i club rotariani sono poi raggruppati geograficamente in distretti per un totale mondiale che si aggira su circa 1,2 milioni di soci) il Rotary International propone azioni a carattere multinazionale o, addirittura, mondiale quali ad es. la lotta contro la poliomielite, in quanto le stesse necessitano si sforzi ed impegni finanziari di notevolissima entità.

Infine il club opera in gemellaggio con un altro club straniero per azioni comuni, si attiva in scambi di gruppi di studio e di giovani fra i diversi Paesi (ben 165) aderenti al sodalizio.

 

Sintesi delle principali attività del club (di interesse generale)

1955-56:

Presentazione del salone internazionale delle Calzature  e Borsa di studio Roncalli

1958-59:

 

Centenario di Eleonora Duse, Presentazione del salone delle Calzatura, Creazione del Museo delle calzature di Vigevano

1959-60:

Presentazione del salone della Calzatura

1960-61:

Presentazione del salone della Calzatura

1962-63:

Presentazione del salone della Calzatura

1963-64:

Presentazione del salone della Calzatura, Premi scolastici alunni città

1964-65:

Presentazione del salone della Calzatura, Premi scolastici alunni città

1968-69:

 

Presentazione del salone della Calzatura, Creazione guida del Centro Storico di Vigevano

1971-72:

Convegno sull’agricoltura lomellina, Convegno sulla salute del Ticino

1972-73:

Incontro con i sindacati dell’industria calzaturiera

1973-74:

 

Alla riscoperta del vigevanese Vittorio Ramella , Eleonora Duse a Vigevano

1974-75:

 

La partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende a Vigevano, La preparazione professionale per le nostre aziende, I nuovi organi collegiali nella scuola, Situazione economica a Vigevano, Il difensore civico – Forum, Il nuovo diritto di famiglia

1975-76:

 

La poesia dialettale di Vigevano, Leonardo a Vigevano, Storia del nostro Ticino, Il settore del riso

1976-77:

 

L’industria della calzatura in Europa, La riforma della scuola media superiore

1978-79:

Il Risorgimento in Lomellina

1979-80:

 

L’industria meccanica delle macchine per calzature La sfida dell’Islam Le vaccinazioni La riforma tributaria Contro la droga PCI e governo Il restauro del Castello Rotary e sanità La congiuntura calzaturiera

1980-81:

 

La nuova Unità Sanitaria Locale, Convegno sul “Mondo agricolo lomellina”, Scuola e strategie per un artigianato utile e qualificante

1981-82:

 

Il Parco del Ticino, Il futuro del settore calzaturiero, Ludovico il Moro a Vigevano, Cardiologia a Vigevano , La prevenzione civile nel nostro territorio, Rotary e handicappati, Archeologia in Lomellina , Rotary e droga, Notaio oggi, Sportivi sulla scena, Negri: illustre concittadino

1982-83:

Lezioni scolastiche sulla droga, Convengo Prevenzione handicap

1983-84:

 

L’Arte locale,  Le azienda locali e la congiuntura, Il recupero del centro storico, Europeismo oggi,

Il cancro oggi, Fare giornale (L’Informatore), La Pro Loco di Vigevano, Il Beato Matteo, Informatica nell’azienda calzaturiera, Riforma della scuola secondaria, Federazione europea, Convegno sui pittori lomellina

1984-85:

 

Recenti effetti delle modificazioni ambientali nell’ittofauna del Po e dei suoi affluenti,

La seconda legislatura del Parlamento Europeo, Risparmio: fondi comuni di investimento, Uso e abuso dei farmaci,Le devianze minorili

 

1985-86:

 

Il condono edilizio, MICAM nella sua vicenda storica, Istituzione del “Premio Giancarlo Zorzoli” e premiazione dei migliori laureati dei Licei di Vigevano, Risparmiare energia oggi, PREMIO MEDICINA - “L’AIDS, luci ed ombre”, Premio a giovani scolari di Mede, LIFE: associazione per la prevenzione dei tumori , Le trasformazioni edilizie nella storia del Castello di Vigevano, Ambienti naturali della Lomellina,

Quale futuro per l’agricoltura lomellina, Le nuove professioni, I castelli della Lomellina, Effetti e cause dell’incidente nucleare di Chernobyl

 

1985-86:

 

Il condono edilizio, MICAM nella sua vicenda storica, Istituzione del “Premio Giancarlo Zorzoli” e premiazione dei migliori laureati dei Licei di Vigevano, Risparmiare energia oggi, PREMIO MEDICINA - “L’AIDS, luci ed ombre”, Premio a giovani scolari di Mede, LIFE: associazione per la prevenzione dei tumori , Le trasformazioni edilizie nella storia del Castello di Vigevano, Ambienti naturali della Lomellina,

Quale futuro per l’agricoltura lomellina, Le nuove professioni, I castelli della Lomellina, Effetti e cause dell’incidente nucleare di Chernobyl

1986-87:

 

Pavia e la provincia: prospettive per gli anni 2000, PREMIO TORIELLI, Cenni storici su Vincenzo Roncalli,Aspetti minori della nostra Piazza, Polio Plus: Il Rotare vaccina il mondo, Il trapianto cardiaco oggi, Problemi della giustizia a Vigevano, Inquinamento di pesticidi : atrazina e bentazone

1987-88:

 

PREMIO TORIELLI :Riflessioni sulle riforme universitarie degli ultimi 20 anni, I Referendum

1988-89:

 

PREMIO TORIELLI Assegnazione del premio ad uno studente dell’Istituto Tecnico ITIS Caramuel

Antichi documenti che riguardano i rapporti con Milano, Inquinamento atmosferico, PREMIO SCOLASTICO MASINARI : quarta edizione, Prospettive dell’agricoltura negli anni a venire, Deruralizzazione della Lomellina, Il riso nella moderna alimentazione, Crisi della Giustizia vista da un avvocato

1989-90:

 

Il problema droga, PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI, PREMIO TORIELLI; CFC ed ozono - Impatto ambientale, regolamentazione, nuovi composti sostitutivi, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, G.B. Garberini, pittore e scultore, Poesie dedicate alla nostra terra, APIM: un’occasione per renderci utili, PREMIO MEDICINA :Emergenze cardiovascolari

1990-91:

 

 

Domanda per i rifiuti industriali, Speranza dell’handicap – Convegno (presiede Castellotti), Centro sperimentazione risi, Scarpe d’autore, Premio Scolastico Masinari, Acquicoltura in acqua dolce,

Fecondazione assistita, Automazione nell’industria delle calzature, Credenze e usanze dell’Islam

Convegno Energia oggi, Affreschi lombardi, Il futuro degli ospedali italiani,Convegno Qualità della vita, ANFASS di Mortara

1990-91:

Domanda per i rifiuti industriali, Speranza dell’handicap – Convegno (presiede Castellotti), Centro sperimentazione risi, Scarpe d’autore, Premio Scolastico Masinari, Acquicoltura in acqua dolce,

Fecondazione assistita, Automazione nell’industria delle calzature, Credenze e usanze dell’Islam

Convegno Energia oggi, Affreschi lombardi, Il futuro degli ospedali italiani,Convegno Qualità della vita, ANFASS di Mortara

1991-92:

 

 

Le oche della Lomellina, Nuovo approccio allo studio e al recupero dell’handicap, Diritto costituzionale, necessità di riforme, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Parallelo nella pittura vigevanese: Garberini-Belmontesi ,  Considerazioni sulla situazione economica e industriale della città, Il centro servizi per l’economia locale: un progetto realizzabile?, L’Associazione delle Emergenze Vascolari, realizzazioni e prospettive, PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI, Educare alla legalità”

1992-93:

PREMIO MEDICINA Endoscopia digestiva ,L'Europa dopo Maastricht : Forum “Verso una nuova costituzione economica, La Società Storica Vigevanese, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, L’impegno dell’UNICEF per le future generazioni, Il riso tra realtà e marketing, Compiti e prerogative della Protezione Civile in caso di avvenimento o calamità di carattere eccezionale,

Avanzati mezzi di soccorso medicalizzato in allestimento per la Croce Rossa di Vigevano,

Un Centro Commerciale a Vigevano, Il nuovo ruolo della pediatria, PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI

1993-94:

 

Cosa Nostra in Lombardia, La riforma della legge elettorale, Scopi del centro educativo AIAS di Vigevano e della Casa Alloggio per Disabili, PREMI SCOLASTICI PEDRETTI  e MASINARI, Nuova realtà di valore sociale nel nostro territorio, Torneo di Bridge a favore di "Vita per l'Albania", Strategia di recupero per il Castello di Vigevano

1994-95:

L'attuale momento dell'economia italiana, Il Castello di  Vigevano, Ruolo delle biotecniche nell’agricoltura del 2000, PREMI SCOLASTICI MASINARI e PEDRETTI; Vigevano, città di frontiera, 1748-1858, Le banche italiane in trasformazione, la gestione del risparmio, La bioetica verso il III millennio, PREMIO MEDICINA 

1995-96:

 

Problemi della coltivazione del riso in Lomellina, La funzione di una banca locale a sostegno dell’economia, PREMIO SCOLASTICO MASINARI,La situazione della Scuola in Lomellina e le opportunità di lavoro per i giovani, Il futuro delle Fondazioni Bancarie, La gestione aziendale della Sanità, Robot e telecomunicazioni in campo medico, Chirurgia plastica: ieri, oggi, domani

1996-97:

 

L’usura anche a Vigevano nei tempi antichi, Lo sviluppo dell’informatica nel sociale, PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI, Cos’è la vaccinazione?, Tradizione e innovazione nell’industria molitoria, PREMIO SCOLASTICO MASINARI :Educazione e formazione dei giovani -Il Dio Denaro, Presentazione della STAZIONE MULTIMEDIALE PER IL CASTELLO DI VIGEVANO,

Il futuro delle telecomunicazioni: effetti sul nostro territorio, L’economia del territorio: punti di forza e di debolezza. Il ruolo dell’associazione imprenditoriale territoriale , Convegno “VIGEVANO, IL CASTELLO E LA CITTA’” al Teatro Cagnoni. Viene trattato il tema dell’inserimento del Castello nella vita cittadina.

1997-98:

 

ASSOMAC: una realtà che rappresenta un settore leader a livello mondiale, L'impatto dell'introduzione dell' EURO  sui mercati finanziari, La Via Francigena in terra di Lomellina, Situazione attuale del settore calzaturiero e prospettive a medio termine, PREMIO SCLASTICO MASINARI :Un'attesa lunga 50 anni: la riforma della scuola pubblica, Il Maschio e le sue trasformazioni storico-architettoniche, X Anniversario del PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI :Verso una nuova Università, FORUM DISTRETTUALE "Riforma scolastica, formazione ed esigenze del mondo del lavoro": sinergie per obiettivi comuni, Pubblicazione multilingue e diffusione “Le vaccinazioni”

1998-99:

 

Come affrontare le sfide del terzo millennio, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Principi e strategie di un successo vigevanese, L’EURO per le imprese e per il sistema finanziario, Riforma amministrativa: l'autocertificazione, La nuova sanità, Il punto sulla congiuntura industriale,

Primo incontro col Volontariato. Partecipano: Carits, Madre AmabilE, volontariato 45, aias, Ass. aiuto giovani diabetici, Ass. vigevanese per la lotta conto l’infarto e le emergenze vascolari, Esperienze coi tossicodipendenti, Incontro della Fondazione Cariplo con le Associazioni di Volontariato, organizzato dal Rotary presso la sede dell’ASSOMAC

1999-2000:

 

Giovani e ambiente, Marketing e Moda nel futuro delle calzature, Il destino di Vigevano nei suoi monumenti, Applicazione dell’informatica all’assistenza dei non vedenti, L'impresa calzaturiera: scenario tecnologico del nuovo millennio, PREMIO SCOLASTICO MASINARI: La Scuola, lo studio e la comprensione, Concerto al Teatro Cagnoni con Pietro Ballo e la formazione cameristica Ensemble Fenicia, Un'idea che vale un'impresa:. Premio per le migliori idee imprenditoriali proposte dai giovani, Aria nuova nel Diritto di famiglia, ASSOMAC: una realtà nazionale e internazionale che in Vigevano trova la sua massima espressione

2000-01:

 

Seminario di Progettazione Architettonica, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Sempre meno Italiani, sempre più stranieri, Aspetti di oncologia mammaria, Le prospettive dell' artigianato in Lomellina, Vivere in Castello, Conversazione sulle ultime ricerche nelle opere di Caramuel, Aiuto all’azione di una congregazione di suore abbiatensi a favore di ragazze abbandonate, La signora di Milano: Bianca Maria Visconti, La storia dei Vescovi di Vigevano

2000-01:

 

Seminario di Progettazione Architettonica, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Sempre meno Italiani, sempre più stranieri, Aspetti di oncologia mammaria, Le prospettive dell' artigianato in Lomellina, Vivere in Castello, Conversazione sulle ultime ricerche nelle opere di Caramuel, Aiuto all’azione di una congregazione di suore abbiatensi a favore di ragazze abbandonate, La signora di Milano: Bianca Maria Visconti, La storia dei Vescovi di Vigevano

2001-02:

 

II Seminario di Progettazione Architettonica, Problematiche sulla menopausa, Progetto Leonardo, Università e territorio, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Il dialogo religioso dentro una pluralità di culture, L'ospedale di Ayamè in Costa D'Avorio, una realizzazione anche nostra, Storia e prospettive  dell’Associazione Industriali della Provincia di Pavia, Lo scudo fiscale: tecniche e considerazioni, Serata di beneficenza, Il mondo arabo, l'Islam e l'Occidente: una possibile convivenza, Il sogno del ragazzo disabile nello sport, Il ruolo della stampa locale nella vita del territorio

2002-03:

 

Terzo Seminario di Architettura, Dagli stati nazionali agli Stati Uniti d'Europa, Petali d’Amore: spettacolo di danza, e poesia di Liliana Vercelli al Teatro Cagnoni -per il progetto POLIO PLUS,

PREMIO SCOLASTICO MASINARI, La vita e le opere di Tommaso Besozzi, Molina & Bianchi: dalle origini ad oggi, Profilo artistico di Bernardino Ferrari nella Vigevano del Rinascimento, Chirurgia Plastica: tra mito e realtà, Serata di beneficenza per la raccolta POLIO PLUS, Concerto di Ron, Leonardo, il mistero delle acque: il Genio in una terra lombarda, Il progetto Comenius: per una Scuola Europea, Concerto pubblico pianistico del Maestro Paolo Wolfango Cremante,

PREMIO SCOLASTICO PEDRETTI "La riforma Moratti nella scuola secondaria superiore,

L'Agricoltura di fronte alla globalizzazione e all'allargamento dell’Europa, Una nuova forma di associazionismo: il Pool Vigevano Sport

2003-04:

 

Esperienza di un Imprenditore Vigevanese nel mondo della Moda, PREMIO SCOLASTICO MASINARI, Dove sta andando la Scuola?, L’AIAS ed il suo impegno a favore dei disabili,

La Fondazione Tagger presenta il programma di manifestazioni che si svolgeranno a Vigevano sul tema “Il suono”, L’Azienda Vigevano in crisi: splendori, miserie e prospettive del settore meccano calzaturiero, Centri commerciali: una prospettiva economica per Vigevano città nel settore del terziario e dei servizi, Raccolta fondi per una struttura ospedaliera in Costa d‘Avorio, All That Jazz: raccontare il Jazz in concerto“.Teatro Civico Cagnoni di Vigevano, Qui Londra…. vi parla Marco Varvello, I problemi della radiodiagnostica nel nostro territorio

24 ottobre 2004: Il club ha 50 anni

 

Nel contempo il Rotary International festeggia il suo centenario.

Il club vuole lasciare un’impronta importante per la vita della città: nasce e si realizza il progetto per un “Museo dell’imprenditoria vigevanese”.
La partecipazione di associazioni, fondazioni bancarie, pubblica amministrazione locale, provinciale e regionale sono immediate.

Il Museo è inaugurato nel giungo 2005  e successivamente (dicembre stesso anno) ceduto all’Amministrazione Comunale.

La gestione attuale è assicurata da una Commissione mista Comune di Vigevano e Rotary Club di Vigevano – Mortara.

Il progetto è in continuo arricchimento ed aggiornamento sia di manufatti e reperti fisici sia di contributi di testi, immagini e filmati che raccontano il nostro passato e ci fanno intravedere il nostro futuro.







Comments