A.N.I.M.A. - Ass. Naz. Industria Meccanica Varia ed Affine

L’Italia è oggi, nel contesto mondiale, uno dei maggiori produttori di macchine per calzaturifici.

Questa inoppugnabile constatazione costituisce l’identificazione del punto di arrivo a cui questo comparto dell industria meccanica italiana e pervenuta a seguito di un entusiasmante ciclo evolutivo sviluppatosi nell'arco di circa un quarto di secolo.

Attualmente sono oltre 200 le aziende che operano nei settore e ciascuna di esse, compatibilmente con le proprie dimensioni, ha rag giunto un grado di industrializzazione molto avanzato.

Le oltre 200 industrie che compongono il settore sono praticamente tutte ubicate nel nord dell’italia e la stragrande maggioranza si trova a Vigevano e nei suoi dintorni.

A tal proposito, fin dagli anni 50, si è costituita in seno alla A.N.I.M.A. L’Unione Costruttori Macchine per la lavorazione del Cuoio e delle calzature.

A presiedere tale Unione sono sempre stati imprenditori vigevanesi ed in particolare: Io Ing. Antonio Ferrari, P.l. Antonio Capuano ed, attualmente, il Sig. Alessandro Zorzolo. Ogni azienda si è specializzata nella produzione di macchinario destinato ad un determinato settore del ciclo produttivo della calza tura e per conseguenza va continuamente sviluppato e perfezionato lo stesso argomento con l’incontestabile risultato che il suo prodotto è sempre in evoluzione e quindi il più E luogo a questo punto menzionare ed aggiornato rispetto alle peculiari esigenze del momento per il destinatario del prodotto stesso. Occorre infatti non dimenticare che il setto re serve una industria legata alla moda e le cui esige. cambiano continuamente, con frequenza al massimo semestrale, e deve quindi saper prevedere ed identificare tali esigenze onde essere in grado di proporre il prodotto giusto al momento giusto.

Si innesta quindi automaticamente, a questo punto, una estesa peculiarità dell’industria italiana delle macchine per calzature. «Per la quasi totalità le aziende sono a conduzione individuale».

Questa caratteristica assicura l’utilizzo massi mo della capacità imprenditoriale, della fantasia e della rapidità di decisione caratteristi ca di questo tipo di organizzazione di verti Ogni imprenditore-dirigente è infatti non solamente un tecnico di meccanica ma anche, e diremo specialmente. un tecnico calzaturiero. Egli è provvisto di una esperienza grandissima che ha acquisita negli anni toccando con mano, discutendo e letteralmente a volte soffrendo, i problemi del produttore di calzature che di volta in volta gli vengono presentati

Ma rispetto al singolo produttore calzaturiero egli si trova in una posizione di favore considerando che contemporaneamente egli discute lo stesso problema con un gran numero di interessati e quindi la sua prospettiva gli con sente di sintetizzare le diverse esigenze in una unica soluzione tecnica da adottare per costruire o perfezionare la sua macchina.

Occorre ancora non sottovalutare il fatto che l’imprenditore del settore si trova ad opera re nel più prestigioso mercato di produzione delle calzature ed è quindi in contatto, di pri ma mano, con coloro che la moda la creano e quindi per primi pongono quei problemi che ad essa sono connessi.

Egli si trova quindi nella condizione di presentare, specialmente sui mercati esteri, la macchina giusta al momento giusto e cioè quando quella moda che lui ha conosciuto in anteprima, viene universalmente adottata.

giungere che generalmente le industrie del settore hanno saputo anche adeguarsi ai tempi sul piano della qualità dei prodotti che mettono sul mercato.

Vengono infatti impiegate in queste industrie le più avanzate tecnologie peculiari dell’industria meccanica moderna cosa che assicura che i macchinari da esse prodotti possono considerarsi secondi a nessuno per quanto attiene alla durata ed alla continuità del funzionamento.

L’esportazione iniziò timidamente una ventina di anni addietro e l’incremento è stato poi letteralmente entusiasmante.

Oggi l’esportazione raggiunge la misura di circa il 70°/o rispetto alla produzione globale.

Tutto il mondo calzaturiero ormai conosce, apprezza e richiede macchinario italiano per le sue caratteristiche tecniche e per la sua qualità.

Le vendite cospicue e sempre vi via in crescita delle nostre calzature costituiscono una importante componente trainante nei confronti delle esportazioni italiane di macchinari per calzaturifici e concerie, il- binomio « moda italiana della scarpe » e « macchine italiane per calzature » costituiscono un raro esempio di contemporaneo e parallelo sviluppo per la affermazione del prodotto italiano nel mondo.

* * *

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AZIENDE INDUSTRIALI VIGEVANESI ASSOCIATE ALL'UNIONE COSTRUTTORI MACCHINE PER LA LAVORAZIONE DEL CUOIO E DELLE CALZATURE IN SENO AD A.N.I.M.A.


1 - APEGO s.n.c.

2 - A.T.O.M.

3 - BESSER Sri.

4 - B-L di Brustia

5 - GERIM Sri.

6 - COMELZ

7 - ELLE-GI

8 - EURON STAMPI

9 - FASTA

IO - GABER -

Il - GRANMONDO

12 - INCIS

13 - ORMAC

14 - SAGITTA

I - SASPOL

16 - S

17 - SILVA

I - ZARINE

19 - B.A.N.F.

20 - CH ARTORIGE

21 - Ci Vi EFFE

22 - COMBER

23 - MEC - VAL

24 - OR

25 - PORTALUPI GIANNENZO

26 - PUGNO F.LLI

27 - SPILOTTI MARIO

28 - VIGES

29 - OLIMPIA

30 - OMNIA STAMPI

31 - PAVI Sri.

32 - TORIELLI




Comments